235: Viva la Revolución!

by | 04-11-2017

post-arrow

«Se l’obbedienza è il risultato dell’istinto delle masse, la rivolta è quello della loro riflessione2». Potremmo iniziare così un sommario che cerchi, in poche parole, di riassumere quello che era nella testa di un gruppo di ragazzi e di ragazze, la redazione di GE, quando hanno avuto l’idea di “battezzare” il numero 235 con il difficile nome Rivoluzione. La realtà poi è che, al di là dell’effetto di questa bella citazione, il tema di questo monografico si presta a numerosi sviluppi, denominazioni e interpretazioni. E la riflessione sul concetto di rivoluzione non prende certo il via da questo aforisma, non . . . . . .

234: La Parola, le parole

by | 04-11-2017

post-arrow

«Le nostre parole sono spesso prive di significato. Ciò accade perché le abbiamo consumate, estenuate, svuotate con un uso eccessivo e sopratutto inconsapevole. Le abbiamo rese bozzoli vuoti. Per raccontare, dobbiamo rigenerare le nostre parole. Dobbiamo restituire loro senso, consistenza, colore, suono, odore. E per fare questo dobbiamo farle a pezzi e ricostruirle».1 In questi ultimi anni in molti si sono soffermati sull’analisi delle parole che vengono usate e trasmesse, spesso, senza una reale comprensione del loro significato. Questo non solamente per una semplice questione di non conoscenza delle stesse, ma per un uso inconsapevole di concetti che non sono . . . . . .

233: Il patto

by | 04-11-2017

post-arrow

Nel 2015 è ricorso un importante anniversario, quello del quarantennale del patto d’Integrazione tra Chiesa Valdese e Chiesa Metodista, un cammino unitario che metodisti e valdesi hanno deciso d’intraprendere dal 1975. Ma che cosa significa effettivamente la parola patto? Quali sono le diverse accezioni con cui questa parola viene usata? Ma soprattutto, quali sono le implicazioni per coloro che il patto lo contraggono? Insomma, è davvero così elementare stringere un patto? Il patto più “famoso” è senza dubbio quello fra Dio e il suo popolo, un racconto che prende forma e si sviluppa lungo tutto il Primo e il Secondo . . . . . .